ATTENTO AL PHISHING! Daresti mai le tue chiavi a uno sconosciuto? Non farlo nemmeno con i tuoi codici di accesso! Leggi qui

Focus Mercati
Notizie sui Mercati
AdviseOnly

Tassi d'interesse pronti a salire: come investire?

Tassi d'interesse in aumento e rendimenti obbligazionari globali in salita. Come investire nell’ottica di un prossimo rialzo dei tassi d’interesse?

I rendimenti obbligazionari sono in aumento un po’ ovunque, in linea con quelli dei Treasury Usa. Sintomo che gli investitori si stanno preparando al primo aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve dopo il lungo periodo di politica monetaria espansiva per arginare le conseguenze economiche della pandemia.

 

Prendiamo l’Australia, per esempio, dove il mercato obbligazionario è interessato da un potente sell-off anche in un momento in cui l’aumento dei contagi da Covid-19 dovuto al diffondersi della variante Omicron sta spingendo gli analisti a tagliare ulteriormente le stime che già indicano il Paese come la terza economia più debole del 2022 nel mondo sviluppato.

 

Ma quale relazione lega tassi di interesse e investimenti obbligazionari? È proprio questo il punto che vale la pena di approfondire in questo momento.

 

Tassi d’interesse e investimenti obbligazionari: che rapporto c’è?

 

Si tratta di una relazione inversa: significa che il prezzo del tuo investimento in bond – fondo comune o etf obbligazionario, singolo bond governativo, societario o bancario – salirà al calare dei tassi di interesse mentre, al contrario, scenderà quando i tassi di interesse aumentano.

 

Perché? Proviamo a spiegartelo con un esempio. Supponi di comprare oggi un’obbligazione con una cedola annua dell’1%, valore nominale e prezzo di acquisto pari a 100 e durata un anno. Significa che tra un anno, a scadenza, incasserai 101 euro (100 più 1% di 100 euro). Immagina ora che la Banca centrale europea decida di alzare i tassi al 2% subito dopo il tuo acquisto: la tua obbligazione continuerà a pagare l’1% annuo, come stabilito dal prospetto del titolo, e diventerà quindi meno appetibile, perché meno remunerativa rispetto al nuovo tasso pari al 2%.

 

Dunque, se tu decidessi di venderla, non troveresti nessuno disposto a comprartela per i 100 da te pagati; la ragione è che dopo un anno incasserebbe 101 e quindi maturerebbe un interesse dell’1% quando ormai i tassi di interesse sono stati portati al 2%. L’unico modo per rendere il titolo appetibile è abbassare il prezzo.

 

Riassumendo, i tassi sono saliti e il prezzo dell’obbligazione è sceso. Il ragionamento ovviamente va ribaltato in caso di taglio dei tassi: si tratta, in sostanza, del mercato che ritrova il suo assetto. Solitamente i tassi di interesse tendono a salire quando ci si trova in una fase diripresa o di crescita economica. Viceversa, nei periodi di rallentamento o recessione, quando la domanda di credito scende più o meno sensibilmente, i tassi d’interesse si spostano verso il basso.

 

Noi sappiamo di trovarci alla vigilia di una nuova fase di aumento dei tassi di interesse. Ebbene, come conviene investire in questo contesto?

 

Alla vigilia del rialzo dei tassi: come conviene investire?

 

Diciamo che, in linea generale, in una fase di rialzo dei tassi le obbligazioni tendono a diventare meno interessanti. Eppure, non è pensabile investire esclusivamente in azioni, a meno di avere una propensione al rischio particolarmente elevata. E in ogni caso, diversificare per emittente, tipo di strumento e area geografica è sempre indicato. Senza contare che, in ambito obbligazionario, un paniere ben diversificato di bond di qualità può offrire una protezione da rischi di tipo geopolitico.

 

Insomma, per l’obbligazionario c’è ancora spazio. Ma con alcuni accorgimenti.

 

  • Mantieniti su scadenze e duration brevi, abbassando il rischio di portafoglio con maggiori investimenti in liquidità. La quale rende molto poco, ma difficilmente fa danni (occhio però all’inflazione).
  • Diversifica per divisa, includendo sia obbligazioni di Paesi a più elevato rendimento sia obbligazioni che – con elevata probabilità – costituirebbero un “porto sicuro” in caso di correzioni importanti sul mercato azionario.
  • In termini di veicolo giuridico, privilegia i fondi comuni, naturalmente diversificati al loro interno e ricchi di tutele giuridiche.

 

Infine, ma questo vale per qualsiasi tipo di investimento, rivolgiti a un consulente finanziario esperto, in grado di guidarti verso scelte ragionate e consapevoli.

Investire con noi è semplice!

Scegli tu se parlare con un esperto o farti consigliare dal nostro innovativo servizio di consulenza finanziaria digitale MYMoneyCoach.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Prima della sottoscrizione dei prodotti di investimento consulta i KIID e i prospetti informativi disponibili sul sito ing.it, sezione Investimenti e Risparmio – Fai da te o sul sito del Collocatore. Foglio informativo e documento informativo MIFID disponibili sul sito ing.it o nei nostri punti fisici.

Il presente articolo è stato redatto dal team del blog AdviseOnly.com e ha una finalità esclusivamente informativa. Non va quindi inteso in alcun modo come consiglio finanziario, economico o di altra natura e nessuna decisione, di investimento o di altro tipo, deve essere presa unicamente sulla base dei contenuti qui riportati. L’articolo non costituisce da parte di AdviseOnly.com un’offerta al pubblico d’acquisto o vendita di titoli e più in generale di strumenti finanziari e/o attività di sollecitazione all’investimento, ai sensi del decreto legislativo 24/02/1998, n. 58.