ING BANK N.V. Milan Branch usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito. Continuando a navigare, scorrendo la pagina o selezionando un qualsiasi elemento del sito accetti l'utilizzo dei cookies, anche quelli di profilazione propri e di altri siti con finalità commerciali. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo dei cookies, clicca qui.

Newsroom
Notizie e informazioni di ING Italia

ING per la sostenibilità: #10things, 10 iniziative concrete per combattere il climate change

ING vuole contribuire efficacemente alla riduzione del riscaldamento globale “al di sotto dei 2°C”, in linea con gli accordi di Parigi

ING DA SEMPRE IN PRIMA LINEA PER L’AMBIENTE

La sostenibilità è parte del DNA di ING, che vuole essere parte attiva e protagonista del cambiamento a livello globale: la sostenibilità promossa da ING non è solo ambientale, ma anche sociale ed economica, proprio come indicato dall’ accordo di Parigi del 2015.

ING, come player globale, vuole assumersi la responsabilità di agire per creare un impatto positivo sul pianeta.

Infatti, “Essere un passo avanti nella vita e nel business” (il purpose di ING) significa anche aiutare i clienti e la società a essere un passo avanti nelle sfide che il mondo intero sta affrontando, soprattutto quelle relative al cambiamento climatico: dalla decarbonizzazione all’adozione di un’economia più sostenibile o circolare.

LE 10 INIZIATIVE PER LA SOSTENIBILITÀ: #10things

Per questo, ING ha lanciato su scala globale la campagna #10things: una lista di iniziative che la banca ha intrapreso per sostenere l’accordo sul clima del 2015.

Nello specifico, le #10things sono:

  1. Approccio“Terra”: presentato al Global Climate Action Summit di San Francisco, il progetto “Terra” ha l’obiettivo di orientare il portafoglio prestiti di 600 miliardi di euro verso l’obiettivo di ridurre il riscaldamento globale “ben al di sotto dei 2°C” stabilito dall’accordo di Parigi
  2. Raddoppiamento dei finanziamenti alle imprese “green” entro il 2022, ovvero alle aziende che contribuiscono a contenere il cambiamento climatico e che hanno un impatto positivo su sostenibilità sociale e ambientale.
  3. Prestiti più convenienti per le aziende “green”: ING ha creato un nuovo tipo di prestito – il sustainability improvement loan con tasso d’interesse ribassato per le imprese “green”, ovvero le aziende che migliorano il proprio impatto ambientale. ING ha già siglato oltre 20 contratti di questo tipo, ad esempio con Philips, DSM e Gecina, che hanno deciso di legare il proprio tasso di interesse con ING al rating di sostenibilità di Sustainanalytics.
  4. No ai finanziamenti al carbone: ING dice no ad alcuni settori, come quello delle centrali termoelettriche a carbone, in linea con il suo obiettivo di decarbonizzazione. Entro il 2025 inoltre ING porterà in prossimità dello zero i finanziamentiper la produzione di energia basata sul carbone.
  5. ING agisce sull’impronta sostenibile dei clienti: alle aziende che desiderano ricevere un finanziamento, ma che possono fare meglio in termini di sostenibilità, ING illustra i cambiamenti che devono operare prima. ING ritiene di poter essere più efficace dialogando con i clienti e aiutandoli a migliorare il loro impatto ambientale e sociale ove possibile.
  6. Portafoglio di edifici “ecosostenibili”: in Olanda ING finanzia solo edifici “ecosostenibili” e vuole costruire un portafoglio completamente green entro il 2023.
  7. 100 milioni per “scaleup” sostenibili: nel 2018 ING ha lanciato Sustainable Investments con 100 milioni di euro di capitale per “scale-up” (progetti di potenziamento) sostenibili che abbiano alla base un concetto di comprovata efficacia sull’ambiente. L’esempio più recente è quello di un investimento nell’azienda di economia circolare Black Bear Carbon, che ricicla gli pneumatici usati ottenendo nero di carbone, una materia prima usata ad esempio nella produzione di inchiostro per penne e cover per smartphone.
  8. ING è a impatto neutro dal 2007: l’attività operativa di ING è a impatto climatico neutro dal 2007 e gli obiettivi per il 2020 sono ambiziosi. Tra questi la fornitura di energia 100% rinnovabile agli edifici nei quali ING lavora in tutto il mondo e la riduzione del 50% delle emissioni di CO2.
  9. Il nuovo headquarter di ING ha avuto il massimo rating di sostenibilità: il progetto della nuova sede globale in Olanda ha ricevuto il massimo rating di sostenibilità. Ad esempio, le migliaia di tonnellate di calcestruzzo provenienti dal vecchio edificio sono state riutilizzate per costruire quello nuovo e la parte restante è stata impiegata in un’autostrada vicina. Per sapere di più su questo progetto sostenibile abbiamo creato un video che lo descrive più dettagliatamente.
  10. ING promuove la ricerca: l’azienda stimola ricerche e conoscenza sul cambiamento climatico, come ha fatto con il report sui veicoli elettrici, e collabora con stakeholder come Renewable Energy 100% e Ellen MacArthur Foundation, uno dei leader mondiali del pensiero economico circolare. ING è infatti consapevole che non è possibile accelerare il cambiamento agendo da soli.

LE AZIONI SOSTENIBILI DI ING ITALIA

In Italia ING contribuisce a promuovere un’economia più sostenibile così come a contrastare il fenomeno del cambiamento climatico attraverso azioni altrettanto mirate, a partire dalla scelta dei clienti corporate (uno su due, infatti, è sostenibile) e del portafoglio Real Estate Finance (che è al 50% sostenibile).

Inoltre, dal 2007 ING Italia ha concesso oltre 1,4 miliardi di euro a favore dello sviluppo di parchi eolici e fotovoltaici, diventando pioniera nel finanziamento delle energie rinnovabili. L’azienda ha anche lanciato l’edizione green della ING Challenge, l’iniziativa a sostegno delle start-up più promettenti, e promuove la ricerca grazie alla partnership con la Fondazione per Sviluppo Sostenibile.

Il percorso di Just Transition passa anche all’interno dell’azienda stessa: per questo ING Italia ha dato il via a #greenismore, una serie d’iniziative per promuovere uno stile di vita il più possibile sostenibile dei propri dipendenti.