Newsroom

Notizie e informazioni di ING Italia

Disponibili i risultati dell’Indagine Internazionale ING sul risparmio individuale

L’indagine prende in considerazione il comportamento di 15.000 consumatori in 15 Paesi, analizzando la percezione nei confronti del risparmio e del debito personale

Il “comfort netto” degli italiani si allinea con quello medio europeo. Se combinassimo in un unico indicatore, il comfort netto, la soddisfazione per il risparmio (savings comfort) e il disagio per il debito personale (debt discomfort), la posizione dell’Italia risulterebbe allineata alla media europea. E’ quanto emerge dall’ultima Indagine Internazionale sul risparmio realizzata dal dipartimento di Consumer Economics ING di Londra su un campione di 15 mila consumatori nei 13 Paesi europei in cui ING è presente (Turchia inclusa), oltre a Stati Uniti e Australia. Lo studio si pone l’obiettivo di comprendere come gli individui percepiscano la propria situazione finanziaria in relazione alle dimensioni del risparmio e del debito personale, definizione che include prestiti personali, carte di credito, scoperto di conto corrente, prestiti da famigliari e credito al consumo, ma che esclude i mutui. L’Indagine rivela come gli italiani si confermino poco soddisfatti del proprio livello di risparmio, con il 17% degli intervistati che si dichiara tale (ma era ancora meno al 15% un anno fa), sorpassati per pessimismo solo dai polacchi (12% di pessimisti), contro una media europea del 26%, stabile rispetto ad un anno fa. A guidare la classifica, così come lo scorso anno, l’Olanda dove ad essere soddisfatto è il 43% degli intervistati (42% un anno fa). Non sorprende che i più soddisfatti siano in generale anche coloro che durante l’anno passato sono riusciti ad incrementare i propri risparmi. Solo l’8% degli italiani infatti ha risparmiato di più nel corso del 2015, mentre il 34% riporta una diminuzione di risparmio ed il 31% lo indica stabile. Con un +1 il “comfort netto” italiano resta comunque molto distante da quello registrato in Olanda, Lussemburgo e Gran Bretagna, che guidano la classifica rispettivamente con +28, +25 e +21. Tabella 1 – Nella prima colonna la percentuale di chi si dice a proprio agio con i risparmi (savings comfort). Nella seconda la percentuale di chi si dice a disagio con il debito personal, mutui esclusi (debt disconfort). Nella terza il delta tra i due valori, detto comfort netto. Se la capacità degli italiani di accumulare nuovo risparmio appare ancora piuttosto limitata, solo il 41% ha tuttavia debiti personali contro la media europea del 50%. Comprensibile quindi che sia solo il 16% degli intervistati a dichiararsi a disagio per il proprio livello di indebitamento a fronte di un dato medio europeo del 25%. Fra gli italiani che hanno visto crescere i risparmi, la ragione più frequentemente citata (dal 43%) è l’aumento del reddito regolare, mentre il 32% indica che l’aumento sia frutto di una decisione deliberata. Le due ragioni più frequentemente addotte da coloro che hanno invece visto i propri risparmi diminuire, sono l’occorrenza di spese inattese (40%) e la necessità di compensare il calo del reddito (38%). Le maggiori difficoltà dagli italiani ad accumulare risparmi trovano riscontro nei comportamenti di spesa. Se il consumatore medio europeo dichiara di aver aumentato la spesa per otto categorie su dieci tra quelle indagate dall’Indagine, gli italiani dichiarano invece un incremento in tre sole categorie: cibo, mutui o affitti, sanità. In calo invece la spesa per trasporti e arredamento della casa; una contrazione più netta interessa infine le spese più voluttuarie come vacanze, tempo libero, abbigliamento e cura della persona ma anche – elemento interessante – risparmi a fini pensionistici.