ATTENTO AL PHISHING! Daresti mai le tue chiavi a uno sconosciuto? Non farlo nemmeno con i tuoi codici di accesso! Leggi qui
Newsroom
Notizie e informazioni di ING Italia

ING e UniCredit finanziano gli impianti fotovoltaici promossi da EOS IM e Capital Dynamics con garanzia green di SACE

Il finanziamento - da oltre 55 milioni di euro - è il primo green loan project financing in regime di grid-parity in Italia

Pict2

EOS Investment Management (EOS IM), gruppo internazionale indipendente specializzato nella promozione di fondi di investimento alternativi in economia reale con forte vocazione alla sostenibilità, e Capital Dynamics, società di gestione indipendente internazionale ed uno dei principali investitori in energie rinnovabili al mondo, hanno sottoscritto con ING e UniCredit, con il ruolo di Mandated Lead Arrangers & Bookrunners e Sustainability Coordinators, un finanziamento di oltre 55 milioni di euro. Il green loan, della durata di 15 anni è assistito dalla garanzia green di SACE ed è finalizzato a sostenere i costi di costruzione e messa in esercizio di impianti di produzione di energia rinnovabile localizzati nel Lazio che hanno una capacità installata di oltre 87MW, in grado di servire i fabbisogni energetici annui di ca. 63 mila famiglie. Gli impianti in portafoglio ai fondi ReNewable Infrastructure Fund II e Capital Dynamics Clean Energy Infrastructure VIII e IX permettono di conseguire un risparmio annuo di oltre 70 mila tonnellate di CO₂ equivalenti, pari alle emissioni di CO2 assorbite in un anno da oltre 34 mila ettari di foresta e contribuiscono direttamente a 5 dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (Salute e Benessere, Energia Pulita e Accessibile, Innovazione e Infrastrutture, Città e Comunità Sostenibili e Protezione del clima).

 

Tali impianti rappresentano uno dei più grandi progetti italiani di sviluppo di nuova capacità fotovoltaica in assenza di incentivi pubblici e sono ormai prossimi alla connessione: l’energia prodotta, sulla base di un accordo decennale di power purchase agreement a prezzo fisso, sarà acquistata da un player internazionale leader nel mercato all'ingrosso del gas naturale e dell'energia elettrica. ING e UniCredit hanno strutturato il primo project finance green loan in Italia, un finanziamento a lungo termine che rappresenta elementi di sostanziale innovazione per questa tipologia di asset, nonché il primo finanziamento di questa dimensione per impianti senza sussidi governativi.

 

Gli interventi finanziati, grazie all’impatto positivo in termini di mitigazione del cambiamento climatico, rientrano negli obiettivi dell’EU Green New Deal, il piano che promuove un’Europa circolare, moderna, sostenibile e resiliente e sono supportati da SACE, istituzione a sostegno dello sviluppo del sistema Paese, che riveste ruolo centrale nell’attuazione del Green New Deal sul territorio italiano.

 

"La nostra strategia di investimento si dimostra particolarmente efficace: oltre ad assicurarci i più significativi progetti in grid parity e greenfield in Italia, riusciamo ad avere un accesso privilegiato al canale bancario europeo unitamente alle più dinamiche controparti per i PPA di lungo termine”, ha commentato Giuseppe La Loggia, Senior Partner di EOS IM Group Clean Energy Infrastructure. “Riteniamo fondamentale mantenere un approccio fortemente industriale, con una visione della finanza che guarda all’economia reale e che è in grado di contribuire fattivamente agli obiettivi della transizione ecologica europea, identificando e strutturando - con i nostri partners - le migliori modalità tecnico-finanziarie per investire nella transizione energetica”, ha aggiunto Giuseppe La Loggia.

 

“In qualità di uno dei principali investitori in energie rinnovabili in Europa, siamo lieti di assistere ad una domanda così sostenuta da parte di investitori del settore privato e di primarie istituzioni bancarie rivolta alla partecipazione verso la transizione ecologica ", ha commentato Dario Bertagna, Managing Director e Co-Head di Capital Dynamics Clean Energy. "Raggiungere la grid parity con progetti infrastrutturali non sussidiati come quelli che abbiamo realizzato ci aiuta a rendere le fonti di energia rinnovabile pienamente accessibili, a beneficio sia degli investitori sia delle comunità locali. Questo ci rende ancor più interessati ad investire un’ulteriore quota importante della nostra ampia pipeline di progetti fotovoltaici ed eolici in Europa meridionale".

 

“Grazie al nostro intervento e alla nostra collaborazione con UniCredit e ING – ha dichiarato Daniela Cataudella Responsabile Task Force Green di SACE – sarà possibile portare a termine un progetto che ha importanti benefici per il territorio, servendo i fabbisogni energetici annui di circa 63 mila famiglie del Lazio, oltre a contribuire allo sviluppo sostenibile del Paese intero. Questa operazione conferma l’impegno di SACE per la transizione verso un’economia a minori emissioni inquinanti, in virtù del suo ruolo di gestore del Green New Deal italiano e nell’ambito delle linee guida del PNRR”.

 

“Per ING il finanziamento di questo importante progetto rappresenta il primo passo verso il futuro delle fonti rinnovabili non incentivate; l’esperienza maturata nella costruzione dell’operazione getta le basi per un nuovo approccio al mondo green rivoluzionando il paradigma che rendeva l’incentivo elemento essenziale ed irrinunciabile”. Afferma Valerio Capizzi, Head of Energy EMEA di ING.

 

"Siamo oltremodo orgogliosi di avere supportato EOS IM e Capital Dynamics in questa complessa operazione - afferma Matteo Pietropoli, Global Head of Power & Infrastructure Financing di UniCredit - che conferma la nostra leadership, in Italia e in Europa, nelle soluzioni di finanziamento strutturate legate a obiettivi ESG. Questa operazione è la testimonianza del nostro impegno a sostenere progetti, in particolare in grid parity e greenfield, in grado di agevolare la transizione verso un’economia a minor impatto ambientale, contribuendo a incrementare la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili nel nostro Paese, in linea con gli obiettivi strategici del PNRR”.